L’ASSOCIAZIONE

FLORAVIVA è nata nel marzo 2004 con lo scopo di promuovere e diffondere la conoscenza della Pittura Botanica, antica disciplina dedicata alla raffigurazione del Regno Vegetale. Riunisce oggi i più qualificati interpreti di questo genere artistico che vivono in Italia.
Una tavola botanica risponde a regole ben precise: le piante devono essere ritratte dal vero, in grandezza naturale , in modo scientifico, con tutti i dettagli che rendano il soggetto riconoscibile e identificabile al primo colpo d’occhio. Anche se eseguita ad vivum, un’opera non è però mai una “copia”. Ciò è reso impossibile dalla disparità che intercorre tra i tempi vitali delle piante e i tempi di lavoro del pittore: un fiore può durare un giorno (mutando forma e colore di momento in momento), mentre il suo ritratto può richiedere un mese. Quanti fiori di quel tipo, simili ma mai uguali, dovranno rimanere in posa per consentire di portare a termine la tavola? Il numero dipenderà dalla durevolezza del fiore oltre che dalla dedizione del pittore. Di ognuno verrà colto un particolare: la tendenza ad assumere una certa posizione, il virare di un colore ad un altro, il rilievo delle venature sul retro delle foglie, la macchiolina causata dal fungo o dall’ insetto che talvolta colpisce quella specie… Di conseguenza il risultato finale sarà una sintesi delle peculiarità di quel tipo di pianta, in cui sarà reso visibile ciò che l’occhio non potrebbe mai vedere guardando un singolo esemplare. A questo lavoro lento e meditato il pittore poi, per quanto gli consentono la sua sensibilità artistica, cultura e abilità tecnica, dovrà aggiungere il “soffio vitale”. Solo così un foglio di carta, qualche goccia d’acqua e un microgrammo di pigmenti potranno essere trasformati in un’ opera in grado di indurre a riflessioni sulla bellezza e infinita sapienza della Natura.


Consiglio direttivo:

Presidente Angela Petrini, Vice Presidente Bonzo Renata, Consiglieri Pierino Delvò, Angelo Speziale, Silvana Volpato,
Segreteria Angela Petrini, Renata Bonzo